Seguimi

  • Facebook
  • youtube
  • Pinterest
  • Instagram

Burger di Edadame: fagioli di soia

burger di edadame 703x303 2jpg

Siete anche voi amanti dei burger di legumi? Allora non potete perdervi questi burger di Edadame, che qui ho preparato in due modi diversi, con il mais e con la cipolla rossa. Credo che la preparazione dei burger sia una delle più piacevoli da vedere quando si parla di legumi.

Vi ho già parlato di ceci e rape rosse, ora voglio presentarvi dei burger di Edadame, i fagioli verdi di soia, gustosissimi e molto ricchi di nutrienti. Sono sempre alla ricerca di sane fonti proteiche che mi permettano di raggiungere il mio fabbisogno proteico quotidiano, questi fagioli non solo hanno un buon profilo aminioacidico, contengono anche buone quantità di Sali Minerali e del precursore di Omega3. A presto seguirà un approfondimento su questo argomento.

I fagioli di soia verdi a me piacciono in tutte le forme, nelle insalate, nelle zuppe e in modo speciale nei burger.

In questa ricetta utilizzo l’olio extravergine di oliva solo alla fine della preparazione e visto che dobbiamo stare attenti anche alla quantità di sale nelle nostre ricette, qui l’ho aggiunto solo dopo la cottura degli Edadame, ma non preoccupatevi, i burger risulteranno comunque saporiti grazie all’aggiunta delle altre spezie, in particolare paprika e curcuma! Inoltre,  la curcuma, oltre ad avere un ottimo sapore, è ricca di proprietà, contiene la curcumina, una sostanza molto studiata dai ricercatori di tutto il mondo, vi lascio il link che mostra di uno dei suoi effetti.

Faremo due tipi di Burger, uno di Edadame e mais, l’altro di Edadame e cipolla rossa

Ingredienti per i burger di Edadame

250 gr di Edadame, io li ho presi surgelati

140 gr di mais già cotto

1 cipolla rossa di Tropea

2 cucchiai di pangrattato integrale

olio extravergine di oliva

sale

paprika

curcuma

gomasio con le erbe (opzionale, funziona da insaporitore, è a base di semi di sesamo)

Procedimento per i burger di Edadame e mais

In una pentola antiaderente metti gli Edadame ancora surgelati con un pochino di acqua e un pizzico di sale.  Anche se sarà l’unico momento dove lo inserirai non esagerare, comunque le spezie renderanno i burger molto saporiti

Cucina a fuoco medio/basso per 6-8 minuti, devono rimanere croccanti.

Dividili in due ciotole, in una aggiungi la paprika, nella seconda la curcuma quando ancora sono caldi e lascia raffreddare

Direttamente nel mixer unisci i fagioli di soia della ciotola con la paprika, il mais ed 1 cucchiaio di pangrattato integrale

Aziona il mixer ed aspetta finchè si foma un simil impasto

Prendi un cucchiaio del mix e prepara dei burger più o meno grandi a seconda dei tuoi gusti, utilizzando il palmo delle mani e poi schiaccia con i pollici per appiattire. In questo caso io li ho preparati piccolini perchè volevo servirli, infilati nello stecco di legno come degli spiedini

Immagine1

Passiamo ora ai burger di Edadame con cipolla rossa

Prepara la cipolla:  elimina la buccia, mettila sotto l’acqua e affettala sottile

In una padella antiaderente lascia appassire la cipolla con un pochino di acqua finchè si consuma totalmente, girala spesso

Unisci direttamente nel mixer gli edadame con la curcuma, la cipolla e 1 cucchiaio di pangrattato integrale e procedi come prima

(Aziona il mixer ed aspetta finchè si foma un simil impasto-Prendi un cucchiaio del mix e prepara i burger)

Bene, ora non ci rimane che assemblare

Adagia i burger sopra alla placca del forno ricoperta dalla carta forno e solo a questo punto spruzza o spennella dell’olio extravergine di oliva sulla superficie. Se volete fare gli spiedini basterà alternare un burger edadame-mais con un burger edadame-cipolla

Prima di infornarli puoi aggiungere del Gomasio per insaporirli ulteriormente

Inforna a 180 gradi in forno statico già caldo per 15 minuti, finchè si formerà una crosticina.

burger di edadame nel forno

L’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II di Napoli e l’Associazione Italiana Food Blogger promuovono il progetto “Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II e Food Blogger: insieme per la salute. La ricetta giusta per il tuo benessere” nell’ambito del quale è stato indetto il food contest: “DIETA MEDITERRANEA?SI’, GRAZIE.

Con questa ricetta partecipo al contest di cui sopra nella categoria piatti unici; questo piatto è da gustare tranquillamente nel tavolo in terrazza o in una panchina al parco, durante la pausa pranzo. E’ così che io vedo il Piatto unico, infatti cerco sempre di unire carboidrati complessi, proteine vegetali, fibre e sali minerali. Questo Piatto consiste nei burger di edadame con mais e cipolla rossa insieme agli involtini di zucchine riempiti con peperoni e allo yogurt greco oppure ad una maionese leggera senza uova. La ricetta degli involtini di zucchine la trovate qui.

banner del contest dieta mediterranea Si' grazie

Crostatine Senza

crostatine senza 703x3033

Le merendine non si comprano al supermercato, quante volte lo dico! La tentazione comunque è sempre in agguato, fortuna che riesco ad organizzarmi durante la giornata per prepararle in casa, che soddisfazione quando vengono spazzolate. Da un pò di tempo ho diminuito parecchio l’utilizzo del grasso animale e l’ho sostinuito con i prodotti a base di soia o cereali o con diversi tipi di olio vegetale. Inoltre, cerco spesso di dimunuire la quantità di zuccheri aggiunti o per lo meno sono sempre alla ricerca di fonti alternative per dolcificare.

Penso ad una merenda equilibrata nei nutrienti e non solo ricca di zuccheri e grassi. Le mie Crostatine Senza sono proprio in quest’ottica, unire più nutrienti possibili anche in una merenda o uno sfizio giornaliero.

Questo mi porta a partecipare al contest Dieta Mediterranea? Si, Grazie! che ho trovato girovagando in rete e mi sembra perfetto!

<<……. L’Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II, insieme all’Associazione Italiana Food Blogger (AIFB), scende nuovamente in campo per il progetto “Insieme per la salute: la ricetta giusta per il tuo benessere”. L’iniziativa intende favorire un’alimentazione sana non “medicalizzata” in cui il rigore scientifico e la correttezza metodologica incontrino il gusto ed il piacere della buona tavola, la ricerca dell’equilibrio nutrizionale, la creatività e la sperimentazione in cucina, aumentando la consapevolezza delle scelte nutrizionali attraverso una sana cultura alimentare……>>

Proprio quello che cerco di fare io tutti i giorni spingendo verso una nutrizione equilibrata nel gusto e nel piatto, con le persone che vogliono acquisire una nuova consapevolezza alimentare. La dieta mediterranea è alla base di molte ricette che preparo ogni giorno per la mia famiglia. Avevo perso il sapore di molti cereali e legumi, ma è semplice legare questi ingredienti all’innovazione di oggi! Le creme non hanno lo zucchero, ma sono dolcificate con miele o con malto d’orzo; per le crostatine invece ho utilizzato uno zucchero di canna grezzo che ho dovuto frullare un pochino prima di utilizzare, ma che ha un profumo strepitoso. In realtà utilizzo anche lo sciroppo d’agave, ma l’avevo terminato. Provate anche voi a sostituire lo zucchero con altri dolcificanti che hanno un indice glicemico più basso, ne rimarrete stupiti.

Preparo spesso queste Crostatine Senza in molti modi diversi, riempite con crema al cioccolato classica o con la mia speciale variante, marmellata, crema al cioccolato bianco o con una crema al miglio. Oggi le ho preparate in due diverse versioni, la prima con la crema al miglio, un ingrediente perfetto per una merenda prima di un’attività sportiva, per esempio, oppure per risollevarsi dalla spossatezza dei giorni ricchi di eventi. La seconda più classica con la crema di cioccolato fondente

 

crostatine senza 703x3039jpg

Ricetta delle Crostatine Senza alla crema di miglio

Ingredienti

200gr di farina farro integrale, o farina di farro, o farina 1, o farina 2, o farina O

50gr di farina di mais

60 gr di zucchero di canna integrale Muscovado (2 cucchiai di succo d’agave)

80 gr di latte di riso

60 gr di olio di riso o mais

8 gr di cremor tartaro o lievito per dolci

Procedimento

  • Unisci a fontana le farine, direttamente nel tavolo se sei esperta oppure in una ciotola se non ti senti sicura, aggiungi lo zucchero ed il lievito, mescola con le mani
  • Fai il famoso buco al centro ed unisci il latte,
  • Inizia a mescolare il latte con le polveri tutt’attorno, poi unisci l’olio a filo (lentamente)
  • Rendi omogeneo l’impasto, stendendolo con le mani, ma non troppo, e forma una palla
  • Avvolgi la palla in una pellicola trasparente
  • Lascia riposare l’impasto in frigo, per circa 30 minuti
  • Fodera degli stampini da crostata con carta forno e poi distribuisci l’impasto dopo averlo steso con mattarello ad uno spessore di 3-4 mm o comuque come preferisci
  • Puoi aggiungere subito cioccolato e marmellata e mettere in forno statico preriscaldato a 180 gradi per circa 15 minuti, oppure preparare la base e fare la guarnizione dopo la cottura.
  • crostatine senza 703x3035

Crema di miglio

Ingredienti

60 gr di miglio

300ml di latte di riso

2 cucchiai di miele

1 bacca di vaniglia

2 vaschette di lamponi, se riuscite a fare una passeggiata nel bosco per procurarveli sarebbe ottimo!

Procedimento

  • Prepara il miglio: risciaqualo molto bene sotto l’acqua corrente finchè l’acqua diventa trasparente, scolalo con un colino, se hai tempo tostalo in una padella antiaderente
  • Metti una pentola sul fuoco con il latte, aggiungi la vaniglia, 1 cucchiaio di miele ed il miglio
  • Fai bollire per 30 minuti a fuoco basso
  • Spegni il fuoco, mescola aggiungendo un secondo cucchiaio di miele, copri la pentola con un coperchio e lascia raffreddare. Vedrai che i chicchi di miglio si gonfieranno, devono comunque rimanere morbidi; finisci di raffreddare mettendo a contatto il miglio con la pellicola trasparente.
  • Frulla tutto con frullatore ad immersione, se troppo denso aggiungi un pò di acqua
  • Metti la crema in una sac a poche (se non ce l’hai va benissimo un cucchiaio oppure utilizza un sacchettino per alimenti a cui toglierai una punta!)
  • Prepara i lamponi: cuocili per circa 1-2 minuti in padella, aggiungi un goccio di acqua, girali sempre, finchè formano una crema, poi separa i semini schiacciando la crema ottenuta sopra ad un colino.

Assembla la Crostatina Senza

  •  Prendi la base della Crostatina Senza
  • Aggiungi la crema al miglio con la sac a poche, dai vita alla tua fantasia per creare dei disegni originali
  • Finisci aggiungendo un lampone
  • Aggiungi un filo di crema ai lamponi

 crostatina senza con cioccolato 703x303

Ricetta delle Crostatine Senza alla crema di cioccolato

La base della crostatina rimane uguale alla precedente fino alla cottura in forno. Nel frattempo che aspetti la cottura, inizia a preparare la crema.

Crema di cioccolato

Ingredienti

250 ml di latte di riso

50 gr di malto d’orzo o succo di agave

30 gr di cioccolato fondente a pezzettini

20 gr di amido di riso

1 cucchiaino di crema al cioccolato, opzionale solo per i più golosi

Procedimento

  • In un pentolino, con il fuoco spento, stempera l’amido in poco latte, aiutati con una frusta, poi aggiungi il resto del latte
  • Accendi il fuoco e porta ad ebollizione
  • Continua a mescolare finchè rassoda, vedrai che farà in fretta
  • Spegni il fuoco e aggiungi il cioccolato fondente ed il malto, se hai deciso di utilizzarla inserisci anche la crema al cioccolato
  • Lascia raffreddare coperta con la pellicola alimentare a conttato con la crem

Assembla le Crostatine Senza alla crema di cioccolato

  • Prendi la base della Crostatina Senza
  • Aggiungi la crema di cioccolato con la sac a poche
  • Guarnisci con un biscottino fatto con l’avanzo dell’impasto oppure con della granella di cocco

Con questo articolo partecipo al contest Dieta Mediterranea? Sì, grazie! per la categoria dei dolci.

banner del contest dieta mediterranea Si' grazie

Torta salata ai fiori di zucchina

torta salata ai fiori di zucchina 3

Ricetta della torta salata ai fiori di zucchina

Qualche giorno fa tornavo da una bella gita con i miei ragazzi, non avevo per niente voglia di mettermi ai fornelli, ma aprendo il frigo ecco in vista dei bellissimi fiori di zucchina di un colore brillante e ancora belli consistent, li avevo comprati il giorno prima con l’intenzione di preparare una ricetta particolare al posto della solita panatura.

Non avevo idee su come utilizzarli e questo è il motivo per il quale si trovavano ancora nel frigo, ma nel cassetto c’era pure il porro e l’ultima zucchina del contadino. Mi sono lanciata  in una torta salata ed il risultato è stato convincente, bella da vedere e anche da gustare!

torta salata ai fiori di zucchina 4

INGREDIENTI per torta salata ai fiori di zucchina

una decina di fiori di zucca

1 zucchina

1 porro

2 cucchiai di ricotta

6 fette di prosciutto cotto o tacchino

1 rotolo di pasta sfoglia

olio EVO e sale

PREPARAZIONE

  1. prepara i fiori di zucchina: elimina il pistillo che rende i fiori amari, aprili con delicatezza a ventaglio, mettili sotto l’acqua corrente e posali sopra un canovaccio per farli asciugare un pochino
  2. lava il porro, taglialo sottile e mettilo in una padella con un goccio di olio
  3. lava la zucchina, tagliala a pezzi
  4. fai cuocere il porro un minuto e poi aggiungi il fondo di un bicchiere di acqua, quando vedi che si sta ammorbidendo aggiungi anche i pezzi di zucchina. Cuoci altri 5 minuti e se necessita aggiungi ancora un goccio di acqua. Non cucinare troppo la zucchina, deve rimanere comunque croccante. Spegni il fuoco e lascia raffreddare qualche minuto
  5. nel frattempo prendi una ciotola dove inserirai i due cucchiai di ricotta e quando raffreddati il porro e la zucchina
  6. mescola delicatamente il composto
  7. prepara lo stampo, io ho utilizzato uno stampo rotondo in ceramica per crostate e adagia sopra la pasta sfoglia con la sua carta forno (meglio se avete il tempo di prepararvela da soli)
  8. stendi tre fette di prosciutto sulla base
  9. aggiungi il composto della ciotola
  10. stendi altre tre fette di prosciutto
  11. aggiungi i fiori di zucchina a raggiera, parti ad aggiungere i fiori dal cerchio esterno con la punte verso l’interno e poi cambia posizione del fiore con le punte verso l’interno……oppure trovate la vostra modalità, sarà buona comunque.
  12. se volete potete spolverare del parmigiano e del pagrattato sulla superficie
  13. inforna per 30 minuti a 180 gradi modalità statica

 

Involtini di zucchine

involtini di zucchine 2 703x303
Involtini di zucchine pronti per essere infornati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli involtini di zucchine mi hanno sorpreso all’istante! Quando ho visto questa ricetta ho pensato subito che l’avrei fatta mia! E’ arrivato quel momento in cui non ho proprio voglia di mettermi ai fornelli per lungo tempo, complice il caldo e la voglia di uscire presto, quindi sono alla ricerca continua di novità per lo più vegetariane! L’ho trovata in un libro di Palmisano che si intitola “La dieta mediterranea alcalina”, ci sono delle ricette molto interessanti; fin da subito mi ha colpito la suddivisione in stagionalità, addirittura nei singoli mesi e giorni. Parla di diversi tipi di portate: dalla biogenica, alla neutra e a quella di compromesso!  Ovviamente presenta ricette più o meno alcaline, ottime per chi vuole iniziare un diverso tipo di approccio al cibo. Il mondo alcalino mi ronza da qualche tempo nella testa e lo sto approfondendo sempre più perche la biochimica del nostro corpo mi ha sempre affascinato e continuo a scoprire che questo argomento ci azzecca proprio del tutto. Sono rapidi da fare questi involtini di zucchine, con pochi ingredienti e sicuro non ne rimarrete delusi.

involtini di zucchine 703x303

Ingredienti

3 zucchine tagliate sottili per lungo

400 gr peperoni cornelio rossi

100 gr pane in cassetta

10 gr di sesamo tostato

erbe aromatiche: timo e menta

olio extravergine di olivasale

Procedimento

  1. Lava i peperoni e tagliali a listarelle, condisci con poco sale e lasciali macerare per 5 minuti in un piatto
  2. Passali in padella per 8-10 minuti con un goccio d’olio d’oliva, lascia raffreddare e unisci le erbe aromatiche
  3. Frulla con un robot da cucina prima le fette di pane e poi metà dei peperoni in modo che diventino una crema
  4. In una ciotola unisci il pane, la crema di peperoni e i peperoni rimasti a listarelle, il sesamo tostato ed il sale
  5. Affetta le zucchine per lungo la fetta dev’essere sottile
  6. Distribuisci l’impasto ottenuto sulle striscie di zucchine e arrotola su se stessa per creare l’involtino che poi adiagerai sopra la leccarda ricoperta da carta forno
  7. Lascia asciugare in forno statico per 10 minuti a 180 gradi
  8. Puoi servirli con yogurt naturale, pomodoro, altre salsine oppure mangiarli così tanto una tira l’altra!

Biscottini Multiveg

biscottini tondi 703x303

Questi biscottini multiveg li ho preparati pensando ai miei ragazzi e alle vacanze estive! Sono veloci da preparare, si possono fare diversificando gli ingredienti, non hanno solo calorie vuote, ma sono ricchi di nutrienti e danno un buon senso di sazietà! Ottima merenda del mattino e del pomeriggio, o da mettere nel borsone durante le gite al mare o ai monti, insieme alle mie barrette preferite.

I primi biscottini multiveg li avevo preparati in forma circolare e un pò spessi, i successivi invece in forma rettangolare più sottili,  questi ultimi sono decisamente i migliori. Provateli e fatemi sapere se vi sono piaciuti!

 

INGREDIENTI

200 gr di farina integrale

100 gr di fiocchi di avena piccoli

100 gr di farina di mandorle

50 gr di zucchero di canna integrale

50 gr di zucchero di cocco

100 gr di cioccolato fondente in scaglie (forse qualcosina di più…)

150 gr di acqua non fredda

50 ml di olio di semi di mais

mezza bustina di cremor tartaro

 

PROCEDIMENTO

  1. Mescola in una ciotola tutti gli ingredienti secchi quindi le farine, i fiocchi, gli zuccheri, il cioccolato tritatociotola con farine 703x303
  2. aggiungi l’acqua e l’olio
  3. impasta con il cucchiaio, fino ad ottenere una specie di pasta non del tutto compattaimpasto biscotti 703x303
  4. se preferisci metti in frigo per un pochino così l’impasto sarà più semplice da maneggiare
  5. ora puoi prendere due strade     a) prendi mezzo cucchiaio di pasta, la quantità decidila tu in base alla grandezza dei biscotti che vuoi ottenere, io ne avrò presa circa 30 gr per volta, fai una pallina e dai la forma rettangolare      b) metti l’impasto sopra alla carta forno, copri con una seconda carta forno e stendi con un mattarello, poi non ti rimane che fare i tagli a rettangolo con un coltello
  6. inserisci la placca nel forno preriscaldato, ventilato a 170 gradi per 15 minuti, quando i bordi saranno più scuri, togli i biscottini  multiveg dal forno e metti a raffreddare.

biscottini rettangolari703x303

 

Sei di fretta e vuoi mangiare un’insalata?

insalatona 1 bis 703x303

Con l’avvicinarsi del calduccio inizio spesso a sfoderare la mia fantasia per creare una nuova insalata!

E’ un’insalata pensata, nel senso che devo assicurarmi di avere in casa tutti gli ingredienti che mi permettono di aggregare insieme carboidrati complessi, proteine e grassi buoni!

Spesso molte persone pensano che pranzare o cenare con una bella insalatona porti a meno calorie, per questo motivo la inseriscono nel piano alimentare della settimana, quindi all’ultimo minuto si preparano un bel mix di insalata verde, pomodori, carote, radicchio, mais forse un pò di tonno. Ne parlavo pochi giorni fa con Laura, la proprietaria di una Bottega Sfusa, avete presente quei negozietti molto carini che vendono molte cose sfuse e biologiche.

Vorrei spendere queste poche righe proprio per ribadire il concetto: mangia colorato e variato nella quantità 40% di carboidrati, 30% di proteine, 30% di grassi buoni, anche quando mangiamo un’insalata!

I carboidrati devono essere quindi i più rappresentati, unite: spinacio fresco o valeriana o songino, coste, carote, peperoni o pomodori, melanzane, zucchine, ma anche asparagi e carciofi, e avanti così, verdure di stagione oppure surgelate; si possono unire verdure fresche e verdure cotte. In alternativa potete sbizzarrirvi con i cereali insieme ad un paio di verdure. A me piace accostare qualcosa di asprigno, utilizzare l’aceto balsamico mi fa coprire tutti i gusti e lo utilizzo poco, piuttosto inserisco della frutta: le mele verdi, le fragole e da poco ho anche scoperto l’alchechengi essiccato. Inserirò nel blog le mie insalate più riuscite, così aggancerete qualche idea in più. Fate in modo di avere molti colori diversi, lo sapete giusto che in ogni colore c’e’ un fitonutriente diverso; a questo proposito, sto preparando un articolo tratto dal libro del Dott. D. Heber, il pioniere del piatto colorato.

Le proteine sono essenziali all’interno dell’insalata, potete scegliere se carne bianca-pesce-legumi-frittatina. Attenzione che i legumi contengono i carboidrati, quindi regolatevi con la quantità di verdure da aggiungere. Anche i cereali integrali o pseudocereali tipo la qiunoa hanno una buona quantità di proteine.

I Grassi buoni per eccellenza gli italiani li inseriscono con un buon cucchiaio di olio d’oliva extravergine. Pensate anche ai semi oleosi che sono ricchi di grassi buoni: sesamo, girasole, lino, zucca. Vi danno la stessa sensazione dell’olio al palato, è questione di abituarsi un pò per volta.

Gomasio per insaporire, ottimo sostituto del sale

Vi lancio questo semplice accostamento di qualche giorno fa. Avevo frettissima e ho scattato la foto prima di mescolarla bene, quindi parte degli ingredienti è nascosta, ma vi assicuro che ci sono tutti :))

insalatona 1 tris 703x303

INSALATONA 1

due fette di melanzana grigliate

un quarto di peperone rosso tagliato a julienne e fatto appassire nella padella senza olio

una piccola zucchina tagliata a julienne e fatta appassire nella padella senza olio

due manciate di spinacino fresco

una grossa fragola

un pò di alchechengi essicati

5 cucchiai di ceci in barattolo ben scolati

1 cucchiaino di olio EVO

un abbondante cucchiaio da tavola di gomasio con alghe

 

 

 

 

Pangoccioli

 

pangoccioli 4 703x303

Uno snack per i ragazzi e non solo: i Pangoccioli

Avete presente quando i vostri ragazzi sono alla ricerca di qualcosa di buono da mettere sotto i denti, vi capita che aprano e chiudano scaffali a ripetizione? Questi movimenti compulsivi mi lanciano il segnale che è arrivato il momento di mettersi all’opera…..magari passa qualche giorno, ma i pangoccioli entrano in programma nella mia agenda. Vi lascio la ricetta supercollaudata, sono anni che la utilizzo, mi dispiace aver perso la fonte da cui ho attinto la ricetta. Per fare questi pangoccioli ho utilizzato il lievito di birra, semplicemente perchè più comodo, anche se sarebbe opportuno utilizzare il lievito madre, che contiene un mix di lattobacilli e altri batteri al posto del Saccaromices Cerevisiae, noto come lievito di birra. Vi parlerò dettagliatamente della differenza, ma non ora perchè dobbiamo mangiare i pangoccioli!

Dimenticavo, troverete anche delle ricette simili nel blog, come le bombette, oppure il pane con la zucca e le gocce di cioccolato.

Ingredienti, per 12-14 pangoccioli

250gr di farina 0

250gr di farina di farro o farina 1

125ml di bevanda di soia temperatura ambiente

125ml di acqua tiepida

Una bustina di lievito secco

90gr di zucchero

90gr di burro lasciato un’ oretta fuori dal frigo (70 gr di olio di mais, vengono buoni lo stesso)

1 bustina di vanillina opzionale

1 pizzico di sale

100gr gocce di cioccolato fondente o cioccolato sbriciolato

 

Procedimento

  1. Inizia preparando un preimpasto: metti in una ciotola il latte e l’acqua e mescola finchè sciolto, aggiungi il lievito, mescola ancora,  aggiungi un po’ per volta la farina SETACCIATA; non tutta, solo quella sufficiente per fare un impasto morbido…..circa 200gr
  2. Copri e lascia lievitare per almeno 30 minuti (anche 1 ora)
  3. Metti le gocce di cioccolato in un contenitore coperto e lasciale nel freezer
  4.  In una seconda ciotola aggiungi il resto della farina, lo zucchero, la vanillina
  5.  Capovolgi il contenuto della seconda ciotola sul tavolo, fai il classico buco nel centro e aggiungi il preimpasto lievitato
  6.   Inizia ad impastare con il cucchiaio, o già con le mani, prima che sia totalmente impastato aggiungi il sale. Impasta facendo ogni tanto alcune pieghe a tre (più avanti c’è il procedimento)
  7. Continua ad impastare a mano, otterrai un impasto morbido, ma non del tutto omogeneo
  8. Quando hai ottenuto un panetto, inizia a spalmare il burro ammorbidito sopra il panetto, attenzione poca quantità per volta, continua ad impastare, poi spalma ancora ed impasta…e così via fino al completamento del burro. NB questo è il passaggio più noioso :( , meglio utilizzare l’olio è un pochino più veloce
  9. Dovrai ottenere un panetto bello morbido e liscio, non dev’essere appiccicoso (una soddisfazione che solo chi lo fa sa capire! provateci)
  10. Lascia lievitare coperto per 30 minuti
  11. Metti l’impasto sul tavolo, aprilo per bene, aggiungi le gocce di cioccolato ed impasta piano finchè le gocce saranno ben distribuite
  12. Questa fase è delicata per la riuscita delle palline: dividi l’impasto in pezzi da circa 70 gr l’uno
  13. Lavora ogni pezzo per fare delle pieghe a tre, ovvero A) apri bene a rettangolo, B) lavora in orizzontale e piega la parte destra  verso sinistra e  la parte sinistra verso destra a coprire la prima piega C) schiaccia e allunga in verticale D) fai la stessa cosa ma questa volta piega verso l’alto fino a meta’ poi piega la parte in alto verso il basso a coprire quest’ultima E) gira il rettangolino ottenuto F) e inizia a girarlo sul piano, poi tira verso di te a formare una pallina. Difficile a dirsi, ma facile a farsi!
  14. Metti le palline sopra la leccarda del forno ricoperta da carta forno ben distanziate, visto che lieviteranno del doppio del loro volume iniziale; copri con pellicola, fai attenzione che la pellicola non tocchi la superficie, io ho inserito dei bicchieri di plastica per fare l’altezza (l’ottimale sarebbe avere a disposizione delle scatole, tipo quelle per trasporto muffin, per intenderci)
  15. pangoccioli con pellicola703x303
  16. Lascia lievitare per tre ore……forse ne basteranno anche due, ogni tanto dai una controllata, quando hanno raddoppiato il loro volume sono pronte per il forno
  17. Spennella con una miscela di acqua e zucchero (spesso salto questo passaggio)
  18. Inforna in forno statico già caldo a 180 gradi per 15 minuti, rimarranno morbide morbide….fatele raffreddare sopra ad una griglia e yummy buona merenda!

pangoccioli 703x303

  1. Per la conservazione puoi riempire un sacchetto freezer e lanciarlo nel congelatore così avrai i tuoi pangoccioli sempre pronti. Infatti,  nel momento giusto basterà estrarre un pangoccioli dal sacchetto e aspettare 5 minuti  !!!!!!!! Ovviamente parlo di quando i bambini hanno voglia di quel non so che…….!!!!!!!!

pangoccioli 703x303bis

TORTINO DI CECI E ZUCCHINE

frittata di ceci e zucchine 703x303

Ricetta del Tortino di ceci e zucchine

Le zucchine, come capirete facilmente, sono una delle mie passioni, perchè si utilizzano in mille modi diversi e si accostano a numerosi altri ingredienti. Questo tortino di ceci e zucchine si presta in modo speciale ad una cena, infatti rientrando sempre tardi a casa poca è la voglia di cimentarsi ai fornelli, quindi la farina di ceci è un ottimo supporto in qualsiasi stagione. Per chi ama fare attività fisica può diventare molto utile dopo un allenamento!

INGREDIENTI per 1 porzione    230 Kcal e 11gr di proteine

50gr di farina di ceci
100 gr di acqua
1 zucchina
Un pizzico di sale
Una spruzzata di olio!

PROCEDIMENTO

1) lava e taglia la zucchina a pezzi

2) metti in padella con una spruzzata di olio extravergine di oliva, lascia per 5 minuti girando spesso, alla fine aggiungi un pizzico di sale

3) prepara la pastella con 50 gr di farina ceci e 100 gr di acqua mescola bene

4) riposo, io nn avevo tempo, quindi lasciata 5 minuti

5) aggiungi le zucchine alla pastella, mix

6) nella padella spruzza un filo di olio

7) aggiungi la pastella, copri la padella e lascia 10 minuti. Quando vedrai che i bordi iniziano a ritirarsi prendi un piatto, rovescia il tortino e rimetti sul fuoco per cucinare l’ altro verso, lascia per altri 10 minuti

8) accompagna con una seconda verdura e 2 crackers integrali